home cronache cantorsopedia immagini info & link

Cantorso Chronicles

Crocevia del Cinghiale

STRADARIO - Guida della pro loco Cantorso

 

cantorso crocevia cinghiale luoghi racconti favole fiabe

Da sempre in tutte le culture del mondo il crocevia è un simbolo che rappresenta molteplici aspetti della vita. Obbliga a una scelta, è fonte di incertezza, favorisce incontri casuali, metafisici o surreali, anima la superstizione, fomenta la dissolutezza e alimenta storie e leggende. Da noi, nella marca, non avviene niente di tutto questo. Se scendete dal paese lungo la mulattiera vecchia, giungerete al crocevia del Cinghiale. Qui potete proseguire dritti lungo la mulattiera e una volta attraversato con le dovute cautele bosco Clorofillo, arrivare diretti al castello dei Re. La strada che procede verso occidente, invece, è la via Patitosta che vi condurrà alle paludi Olezzose e oltre, un percorso tuttavia vivamente sconsigliato agli escursionisti poco resistenti. Verso oriente, in ultimo, imboccherete il sentiero delle Faine per finire dritti dritti alla fiera di Pon. A onor del vero una particolarità, o forse è meglio definirla una variante culturale, ce l'ha anche questo crocevia. Su una piccola pietra posta lì accanto è incisa una breve filastrocca, se siete interessati a conoscerne il significato leggete la pagina sul relativo meeting.

cantorso crocevia cinghiale luoghi racconti favole fiabe

Da sempre in tutte le culture del mondo il crocevia è un simbolo che rappresenta molteplici aspetti della vita. Obbliga a una scelta, è fonte di incertezza, favorisce incontri casuali, metafisici o surreali, anima la superstizione, fomenta la dissolutezza e alimenta storie e leggende. Da noi, nella marca, non avviene niente di tutto questo. Se scendete dal paese lungo la mulattiera vecchia, giungerete al crocevia del Cinghiale. Qui potete proseguire dritti lungo la mulattiera e una volta attraversato con le dovute cautele bosco Clorofillo, arrivare diretti al castello dei Re. La strada che procede verso occidente, invece, è la via Patitosta che vi condurrà alle paludi Olezzose e oltre, un percorso tuttavia vivamente sconsigliato agli escursionisti poco resistenti. Verso oriente, in ultimo, imboccherete il sentiero delle Faine per finire dritti dritti alla fiera di Pon. A onor del vero una particolarità, o forse è meglio definirla una variante culturale, ce l'ha anche questo crocevia. Su una piccola pietra posta lì accanto è incisa una breve filastrocca, se siete interessati a conoscerne il significato leggete la pagina sul relativo meeting.